Bonus idrico 2021 come funziona e soprattutto come richiederlo

Bonus idrico 2021 come funziona e soprattutto come richiederlo

Una vera e propria novità ecosostenibile quella del 2021, questa volta si parla di bonus idrico fino a 1000 euro riservato alle tutte le famiglie italiane che vorranno eseguire dei lavori di ristrutturazione del proprio bagno. Con tale somma si potranno acquistare tutti gli accessori utili per rendere questo angolo della casa totalmente ecofriendly grazie alle migliorie di nuova generazione che consentiranno l’installazione di rubinetti, miscelatori, soffioni e colonnine per la doccia.

Fino al 31 Dicembre per tutte le persone fisiche, residenti in Italia sarà possibile accedere al bonus idrico, è questo il primo passo verso una realtà diversa perché al passo con i tempi di una green economy che detterà le nuove regole di questo pianeta. Si tratta di un vero e proprio cambio di direzione verso un mondo migliore in cui la consapevolezza ed il rispetto vanno a braccetto seguendo il pensiero etico basato sull’ecosostenibilità. Ciascuno quindi nella propria abitazione può diventare testimonial di questa innovazione scegliendo nuovi adeguamenti in grado di accogliere con ottimismo la parola cambiamento.
Un mondo migliore ci attende fatto di energie alternative e materiali biodegradabili in cui lo scarto creato dalle sostanze di rifiuto non solo è ridotto al minimo ma anzi può essere riutilizzato nell’ottica dell’ecosostenibilità. In questo scenario, l’acqua essendo la principale fonte di vita gioca un ruolo essenziale ed oggi grazie al bonus di 1000 euro tante famiglie potranno accedere ai fondi messi a disposizione dallo Stato.

Potranno essere sostituiti componenti dei sanitari quali, rubinetterie sia del lavabo che del bidet che grazie a dei limitatori interni predisposti per monitorare il flusso dell’acqua consentiranno di avere un vero e proprio risparmio. Ma le sorprese non finiscono qui perché le migliorie potranno essere apportate anche ai miscelatori, soffioni e colonnine doccia per vivere al 100% il climax ecofriedly.
Quanto al bonus di 1000€ è possibile accedervi con la nuova legge di bilancio che sostiene il risparmio dell’acqua grazie ai nuovi sanitari in ceramica con scarico ridotto che consentiranno di ottimizzarne il flusso avendo una sorpresa piacevole sulla prossima bolletta.
Vediamo ora tutti i dettagli per richiedere questa agevolazione, precisando che dalla maggiore età tutti potranno richiedere il bonus idrico 2021 fino alla data di scadenza del 31 Dicembre 2021.

Per accedere a tale privilegio, sarà necessario presentare un’istanza registrandosi con il proprio identificativo SPID o CIE su una piattaforma che sarà messa a disposizione dalla società Sogei nel sito del Ministero della Transizione Ecologica. La compilazione del modulo completa di dati anagrafici del richiedente dovrà allegare le coordinate del proprio codice iban oltre ai dati catastali dell’immobile in cui verranno installati i nuovi componenti di arredo.
A questo punto basterà indicare l’ammontare della spesa sostenuta riportando la fattura di acquisto per richiedere il rimborso spese che verrà reintegrato dal bonus idrico.
Altre specifiche che verranno richieste in fase di compilazione saranno le caratteristiche tecniche del prodotto acquistato con particolare attenzione alla portata d’acqua massima espressa in litri al minuto non dimenticando di inserire la quantità di beni acquistati con il bonus e la spesa relativa alla posa in opera.

Un vero e proprio cambiamento per la propria casa che da sempre è sinonimo di sicurezza e benessere ed oggi più che mai sentirsi parte non solo di questo pensiero ma essere i veri e propri protagonisti di un cambiamento sociale a favore del rispetto per la natura credo che sia una prospettiva davvero interessante.

Per questo, lo staff di risparmioidrico.com,  che da sempre supporta le campagne di sensibilizzazione e le aziende che propongono le innovazioni del settore legate al risparmio idrico,  oggi dopo tanti anni attesa vede finalmente una segnale concreto a favore del minor consumo di acqua e dunque dell’ambiente.